barriere verdi ecologiche
Ambiente

Barriere verdi ecologiche: la muraglia cinese del 2000?

Cina: difendere l’ambiente con le barriere verdi ecologiche

La Cina ha fatto partire da qualche anno una nuova politica ambientale non puntando totalmente sull’abbandono del carbone e petrolio ma creando una sorta di muraglia di alberi in modo da bloccare l’inquinamento. Le “barriere verdi ecologiche” sono state create nella municipalità di Tianjin che si trova nella parte settentrionale del paese ed affidate ad più di trecento ranger. I ranger non solo difendono questa importante iniziativa ma operano per la sua conservazione e sviluppo. Hanno infatti bonificato la terra ed impiantato molte centinaia di alberelli.

barriere verdi ecologiche

Le barriere verdi ecologiche sembrano avere successo con una sopravvivenza dei nuovi alberi è decisamente elevata

Il 97% degli alberi riesce a sopravvivere e crescere riuscendo a diventare una buona barriera all’inquinamento ma lo sviluppo di questa foresta artificiale non ha una vera e propria data  di “fine lavori” perché lo scopo ultimo è quello di assorbire quanta più anidride carbonica è possibile. Un vero e proprio pozzo di assorbimento di questo pericoloso gas che porterà, in due lustri, ad assorbire circa un quarto di milione di tonnellate di carbonio. La prima parte del progetto consta di 1800 ettari ma dovrebbe crescere costantemente. Una volta che inizierà la fase commerciale questa foresta dovrebbe portare a quasi un milione di dollari di entrate, probabilmente grazie al turismo ed attività eco-sostenibili.

Gli alberi stanno facendo il loro lavoro….

In base ai dati forniti dalla National Forestry and Grassland Administration questa sembrerebbe una vera e propria storia di successo con una oltre dieci miliardi di tonnellate di carbonio catturate dalla vegetazione. Naturalmente questo importante risultato è stato ottenuto non solo con il rimboschimento, che comunque ha contribuito con il 20% sul totale, ma con tutte le aree forestali e boschive naturali.

Rispettando l’ambiente si mangia? Ebbene si! Le barriere verdi ecologiche sono un caso di studio

Alla fine qualche uccello del malaugurio che parlava con termini apocalittici della svolta ambientale in termini di posti di lavoro e di PIL dovrebbe allungare lo sguardo in Giappone per la produzione dell’idrogeno ed alla Cina per la sua grande muraglia nata per preservare l’ambiente.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.